Google+
01 Nov 2013

Il sano egoismo: Chi è il sano egoista

Il sano egoismo: Chi è il sano egoista

IL SANO EGOISTA E’ COLUI CHE NON PERDE DI VISTA I REALI DESIDERI E LA SUA PERSONALITA’: QUANDO AMA NON SI ANNULLA TOTALMENTE PER IL TROPPO AMORE, NEPPURE PER I FIGLI CHE CERCA DI RENDERLI ADULTI ED AUTONOMI. DESIDERA IL MEGLIO PER LORO: LI APPOGGGIA LI COMPRENDE E FA SENTIRE MOLTO AMATI. MA POICHE’ VUOLE IL LORO BENE, CERCA DI PREPARARLI ALLA VITA, DUNQUE SA PRONUNCIARE I N O UTILI ALLA CRESCITA, ANCHE SE IL CUORE DIREBBE DI SI’. LI STIMOLA A SVILUPPARE LE PROPRIE POTENZIALITA’, GLI FORNISCE UN ESEMPIO DI AMORE, MA ANCHE DI PERSONALE DIGNITA’. SE LI PROTEGGESSE TROPPO, SE ASSECONDASSE OGNI RICHIESTA DIVENTEREBBERO INCAPACI DI VOLARE DA SOLI E DI TROVARE NEI FUTURI AFFETTI QUALCUN ALTRO DISPOSTO A SACRIFICARSI COSì TANTO! TALVOLTA I GENITORI SI LAMENTANO DEI FIGLI: “GLI HO DATO MOLTO E ORA NON HANNO ALCUNA RICONOSCENZA”. FORSE QUEI FIGLI SONO ABITUATI A PRENDERE E MAI A DARE. A RICEVERE SOLTANTO; PER LORO E’ SCONTATO OTTENERE OGNI COSA SENZA CONTRACCAMBIARE E SENZA FATICA. MA LA VITA, GLI ALTRI, LA PROFESSIONE, LA SOCIETA’, NON GLI REGALERANNO NULLA. DUNQUE IL SANO EGOISTA NON DIPENDE DAL PLAUSO E DALL’ACCETTAZIONE ALTRUI, E’ TESO ALL’ESPRESSIONE DI SE’ E SA AMARE IN MODO ADULTO. MA FINO A CHE PUNTO L’EGOISMO E’ SANO? Il rischio più ovvio è quello di sconfinare in narcisismo, di escludere gli altri dai progetti, di porsi al centro del palcoscenico dimenticando i bisogni delle persone vicine e per i propri cari.
ragazza-si-sveglia_200x200
Il sano egoista è innamorato della natura e s’incanta davanti alle piccole cose, sa ancora sognare e nonostante sia adulto, si entusiasma a giocare e a essere creativo.
La creatività consiste nel mantenere, nel corso della vita, qualcosa che appartiene all’esperienza infantile, la capacità di creare il mondo.
— Donald Winnicott
Rinuncia a qualcosa per l’altrui benessere, ma nello stesso tempo non giunge ad annullare se stesso per una forma di sterile sacrificio o di eccessiva dipendenza: anche se è capace di farlo per le persone cui vuole bene. Ma soltanto quando sia realmente necessario, o per una giusta causa.
Tra gli animali il sano egoista è sicuramente il gatto: non scende mai a compromessi e non si affanna mai, neppure quando fa le fusa. Sa che la vita è già abbastanza complicata e difficile: è per questo che non si trova un lavoro. Sa che l’esistenza va bevuta a piccoli sorsi, e che nell’ozio e nel sonno c’è grande saggezza e che l’amore quando chiama è davvero irre

Lascia il tuo commento